Login

I luoghi del cuore aperti durante le giornate Fai di primavera

Le Giornate Fai di primavera compiono 25 anni e festeggiano con l'apertura straordinaria, il 25 e il 26 marzo, di ben 1000 siti in 400 località. Si è conclusa, inoltre, l’ottava edizione del censimento nazionale I Luoghi del Cuore promosso dal FAI ogni anno, in collaborazione con Intesa Sanpaolo. Lo scopo è quello di salvare le bellezze spesso sconosciute d’Italia: chiese, castelli, grotte, parchi, aree archeologiche, conventi che sprofondano nell’abbandono, ma che meritano di essere valorizzati, riscoperti, ristrutturati. 

 Il luogo vincitore di quest’anno è il Castello di Sammezzano, in provincia di Firenze, con 50.141 voti, che era sconosciuto anche all’associazione, prima di essere scoperto grazie a uno dei votanti che lo ha proposto. La tenuta di cui fa parte il castello appartenne nei secoli a diverse importanti famiglie: gli Altoviti, poi, per volere del Duca Cosimo, a Giovanni Jacopo de' Medici, che infine la vendette a Sebastiano Ximenes. Tali beni restarono alla famiglia Ximenes d'Aragona fino all'ultimo erede, Ferdinando, che morì nel 1816.

Al secondo posto, con 47.319 voti il Complesso Monumentale di Santa Croce in provincia di Alessandria; le Grotte del Caglieron al terzo posto con 36.789 voti. L’Area Archeologica di Capo Colonna in provincia di Crotone con 31.223 voti quarto posto, e la Ditta Guenzati, più antica bottega di Milano al quinto posto con 31.069 voti. 

Questa classifica si basa sui voti di cittadini e comitati, arrivati a 1.573.032 preferenze che hanno segnalato 33.264 luoghi da salvare, distribuiti in 6.003 comuni italiani. La Lombardia prima regione per numero di voti (189.671 votanti), seguita da Puglia (161.733) e Veneto (160.072). A scegliere il luogo che valeva la pena salvare sono state soprattutto le donne (61%), l’età media dei partecipanti è di 47 anni.

 

Dal 2003 il FAI si occupa del salvataggio di questo patrimonio minore italiano, infatti come sostiene il residente del Fai Andrea Carandini “Solo conoscendola e amandola l’Italia può essere salvata.” Raggiunto anche lo scopo di far spostare lo sguardo agli italiani dallo schermo bidimensionale della tv e del telefono per far riscoprire la bellezza tridimensionale del reale, come dice il vicepresidente del FAI Marco Magnifico. La prossima iniziativa del FAI è quella di realizzare un catalogo del patrimonio artistico minore, grazie alle segnalazioni della gente, che verrà presentato al governo.

Rate this item
(0 votes)
Login to post comments

Video









Vai all'inizio della pagina