Login

Sofia: "Harvardmun è un'esperienza incredibile"

“Grazie a quest’esperienza sono venuta a conoscenza degli importanti temi discussi all’interno dell’Onu (...) e ho avuto la possibilità di stringere amicizia con persone che abitano in diversi paesi”.

Sofia, studentessa dell’ultimo di un liceo scientifico di Roma, è una dei 4800 studenti che nello scorso anno scolastico ha avuto modo di partecipare al progetto ideato dall’associazione United Network Europa “Harvardmun”. Recentemente è entrata a far parte dello staff dell’organizzazione e, a differenza di molti suoi coetanei, si definisce soddisfatta della sua “alternanza Scuola-Lavoro”. 

 

Come sei venuta a conoscenza del progetto Harvardmun?

Dopo aver partecipato al progetto IMUN a Roma, grazie alla professoressa di inglese della mia scuola, sono venuta a sapere che era possibile partecipare al progetto anche in America e la meta sarebbe stata Boston.

Quanto è durato il viaggio? E Quanti erano i tuoi “compagni di viaggio”?

Della mia classe siamo partiti in sette e abbiamo “lavorato” presso lo Sheraton Boston Hotel per quattro lunghe giornate.

Cosa ti ha spinto a partecipare al progetto?

Sicuramente l’esperienza in Italia dell’anno precedente mi ha convinto a partecipare di nuovo alla simulazione, inoltre il fatto che si trovasse a Boston mi avrebbe dato la possibilità di conoscere persone provenienti da più parti del mondo e ovviamente anche visitare un nuovo paese.

Quest’esperienza ha cambiato il tuo modo di vedere le nazioni unite?

Sì, decisamente. Grazie a quest’esperienza, per esempio, sono venuta a conoscenza degli importanti temi discussi all’interno dell’onu. Vivere l’esperienza dall’interno, come delegato, e con la responsabilità di rappresentare un paese, è un’esperienza che riesce a farti aprire gli occhi sulla comunicazione tra gli stati appartenenti alle nazioni unite e l’impegno da parte di ognuno nel risolvere problematiche mondiali nel modo più efficace.

Quanto è importante conoscere l’inglese per poter aderire al progetto?

Sicuramente serve avere delle buone basi, sia per quanto riguarda la comprensione, sia per saper affrontare un discorso formale così come un dibattito più diretto. Personalmente penso di aver ampliato il mio vocabolario più specifico rispetto al tema trattato e il linguaggio formale che si ha all’interno della commissione.

Hai avuto tempo per vedere la città? Cosa ti è rimasto di Harvard?

Solitamente veniva dedicata mezza giornata alla visita di Boston durante le giornate di simulazione, mentre abbiamo avuto altri quattro giorni interi per visitare la città di New York.

Hai avuto modo di stringere nuove amicizie?

Si, nei momenti di pausa ho avuto la possibilità di stringere amicizia con persone che abitano in diversi paesi come l’Ecuador, l’India e ovviamente gli Stati Uniti. Con due di loro sono ancora in contatto e grazie a questi legami il mondo sembra sempre più piccolo.

Rate this item
(0 votes)
Login to post comments

Video









Vai all'inizio della pagina