Login

Mai più "Neet": la Regione Lazio avvia RiEsco

“Saranno più di 5mila i ragazzi coinvolti in Riesco” afferma il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, alla presentazione ufficiale della nuova iniziativa ideata per i giovani (dai 18 ai 29 anni) disoccupati e non iscritti ad alcun tipo di percorso formativo o universitario, con un reddito ISEE inferiore ai 15.000 euro e, ovviamente, residenti o domiciliati nel Lazio da almeno 6 mesi.

Il progetto Riesco

“Riesco” ha spiegato poi il governatore: “nasce con l’intento di reintegrare nel ciclo formativo migliaia di ragazzi che non studiano e non lavorano, permettendo loro di consumare cultura”. Attraverso la Carta Riesco, infatti, tutti i ragazzi interessati che avranno fatto la propria domanda di partecipazione tra il 20 dicembre 2017 ed il 10 gennaio 2018 avranno la possibilità di acquistare, nell’arco di un anno, determinati corsi di formazione e/o prodotti (libri, ingressi a musei, mostre, teatri, cinema etc…) per una spesa complessiva pari a 7.200 euro.

La partnership con i The Pills

A promuovere il progetto, nella sala eventi del “WeGil” della Regione Lazio, vi erano anche i The Pills ovvero tre degli youtubers più famosi d’Italia. Il trio, composto da Luca Vacchi, Luigi Di Capua e Matteo Corradini, aveva già affrontato tematiche di attualità nel film “The Pills - Sempre meglio che lavorare” (2016) ed ha quindi avuto la possibilità di realizzare per l’occasione alcuni video-spot che hanno saputo coniugare alla perfezione una problematica sociale così complessa con la consueta comicità che li caratterizza. 

L'impegno della Regione

È evidente quindi l’impegno della Regione Lazio per migliorare il futuro dei giovani. L’anno scorso infatti è stato creato “Torno Subito”, un progetto che ha permesso a più di 4000 ragazzi e ragazze di scoprire il mondo studiando, lavorando e formandosi; e quest’anno, con Riesco, “abbiamo chiesto ai ragazzi di mettersi di nuovo in gioco” ha affermato Il vicepresidente Massimiliano Smeriglio, spiegando poi “Noi investiamo su questi ragazzi, e ai ragazzi chiediamo un atto di fiducia per se stessi e anche per la nostra comunità. Noi abbiamo bisogno di una generazione che non vada via e rimanga qui e continui a costruire il futuro”.

 

Rate this item
(0 votes)
Login to post comments

Video









Vai all'inizio della pagina